3 Poems by Rosanna Bazzano

3 Poems by Rosanna Bazzano
Rosanna Bazzano
Rosanna Bazzano

Biografia aprile 2021

Mediterranea in ogni suo sentire, è nata a Floridia (SR), vive e gestisce un Caffè letterario a Napoli.

Per quattro edizioni dal 2005 al 2008 viene insignita del Premio Internazionale alla cultura

per la poesia del trofeo Medusa Aurea bandito dall’Accademia Internazionale di Arte Moderna di Roma. Nel 2009 vince il premio nazionale Il Fiore e le viene assegnato il Premio Gilda Mignonette per aver dato lustro alla cultura napoletana. In vernacolo vince nel 2006 e nel 2009 il Premio Carmine Capasso di Napoli. Per la prosa ha vinto con due racconti brevi il premio letterario La mia pagina nel 1991 e il concorso bandito dalla Associazione A.L.I. Penna d’autore, di Torino nel 2005, finalista in prestigiosi concorsi nazionali e internazionaliè presente in numerose antologie.

Nel 2009 pubblica, unico autoprodotto, la autobiografia poetica “L’Olivo Saraceno”.

Del 2012 è “Lune d’agosto” ,  Intra Moenia edizioni recensito spontaneamente dal Tg 3 Campania, da La Repubblica e 2 volte dalla rivista nazionale Poesia di Crocetti editore.

Sempre del 2012 è la favola poetica “Gelsomina e il pupazzo di neve”, Iemme edizioni.

 Ancora nel 2012 il libro di ricette filastroccate per bambini “Il Mangiarime”, Iemme edizioni, su ricette della chef stellata Rosanna Marziale.

Nel 2013 esce “Il nuovo Mangiarime”, Iemme edizioni, ancora con ricette della Marziale.

Nel 2014, l’antologia “Incontrati a Caserta”, cinque poeti campani e un editore svizzero, ed. alla chiara fonte, Lugano

I suoi lavori sono stati spontaneamente recensiti da moltissime testate giornalistiche tra cui spiccano: Tg3 Campania, La Repubblica, Il Mattino, Il Roma,  sito Riso Flora.

Nel marzo 2020 Na terra nova, Oédipus edizioni, primo in lingua napoletana con una sezione di traduzioni di poeti stranieri in napoletano.

Nel marzo 2021 “Zia Natascia” racconto in edizione pregiata per la collana Carte e cartuscelle, della Langella edizioni.


Su internet:

Blog: lolivosaraceno.blogspot.it;

Profilo privato: Rosanna Bazzano

Pagina Facebook: Rosanna Bazzano

Pagina Facebook: Il tempo del vino e delle rose

Pagina Facebook: La poesia al tempo del vino e delle rose

Biography April 2021

Mediterranean in every sense of her, she was born in Floridia (SR), she lives and runs a literary café in Naples.

For four editions from 2005 to 2008 she was awarded the International Prize for Culture

for the poetry of the Medusa Aurea trophy banned by the International Academy of Modern Art in Rome. In 2009 she won the national Il Fiore prize and was awarded the Gilda Mignonette prize for giving prestige to Neapolitan culture. In the vernacular she wins the Carmine Capasso Award in Naples in 2006 and 2009. For the prose you won the literary prize La mia pagina in 1991 with two short stories and the competition announced by the A.L.I. Penna d ’author, from Turin in 2005, a finalist in prestigious national and international competitions, she is present in numerous anthologies.

In 2009 she published, the only self-produced, the poetic autobiography “L’ Olivo Saraceno “.

In 2012 it was “Lune d’agosto”, Intra Moenia editions spontaneously reviewed by Tg 3 Campania, by La Repubblica and twice by the national magazine Poesia di Crocetti publisher.

Also from 2012 is the poetic fable “Gelsomina and the snowman”, Iemme edizioni.

 Again in 2012 the book of nursery rhymes for children “Il Mangiarime”, Iemme edizioni, based on recipes by the starred chef Rosanna Marziale.

In 2013 “Il nuovo Mangiarime” was published, Iemme editions, again with recipes from Martial.

In 2014, the anthology “Meet in Caserta”, five poets from Campania and a Swiss publisher, ed. to the clear source, Lugano

Her works have been spontaneously reviewed by many newspapers including: Tg3 Campania, La Repubblica, Il Mattino, Il Roma, Riso Flora site.

In March 2020 Na terra nova, Oédipus edizioni, first in the Neapolitan language with a section of translations of foreign poets in Neapolitan.

In March 2021 “Zia Natascia” short story in a fine edition for the Carte e cartuscelle series, by Langella edizioni.

On the Internet:

Blog: lolivosaraceno.blogspot.it;

Private profile: Rosanna Bazzano

Facebook page: Rosanna Bazzano

Facebook page: The time of wine and roses

Facebook page: Poetry in the time of wine and roses

Poem 1

Voglio chiamarle speranze,
questi sferisci sforzi di esistere
questo insistere,
rompere la scorza del mondo,
attaccarsi alla legnosa maternità
di un nodo,
questo venire alla luce
lentamente,
rompere la frontiera di uno stame
questo farsi buono dove c’era il bello.
Fragili, su una terra imperfetta
ubbidire alle sue perfette leggi,
essere, anche solo un attimo
nel calendario del mondo,
senza rivalse, senza vendette,
parvi e fieri, rispondere all’appello
confidenti in una forza più grande,
nascere dalla terra senza grido,
nascere sulla terra senza chiedere,
nascere per la terra senza paura.

I want to name hope
these sphere-like efforts to exist,
hope is this insistence,
breaking the bark of the world,
clinging to the wooden motherhood
of a knot,
its slowly coming into existence,
breaking the limits of a life thread
with goodness coming to replace beauty.
Frail on this imperfect earth
hope is to obey the earth’s perfect laws,
to take place, even for just a second
in the calendar of the world,
with no retaliation or revenge,
delicate and proud, answering the call
with trust in a greater force,
growing from the earth without a cry,
growing on the earth without a plea,
growing for the earth, without fear.

Poem 2

Ha nome il male che ho dentro?
Senza foglie né stecchi
ha fatto il nido
nel più folto fogliame del petto
tende agguati di giorno
morde i tendini e le spalle
serra stretta la porta della bocca
perché non si senta il suo nome
risuonare nella grotta del cuore.
Solo a sera si mostra placato
ed ha pietà di me stessa,
e della luce che muore,
e si scioglie in un canto
che mi allaga
di mestizia e splendore,
e tracima dalla rima degli occhi
in mobili pietre di luce.

Does the evil I’ve got in me have a name?
With no leaf or stick
evil built its nest
where the foliage of the breast is the thickest
and lays in ambush during the day
it bites tendons and shoulders
it shuts tight the gate of your mouth
so that no one hears its namet
resonating in the cave of the heart.
Only when night falls it seems appeased
and it takes pity on me
and on the dying light,
it lets loose a song
that floods me
with melancholy and splendour,
and flows over the lashline
in loose stones of light.

Poem 3

Non sai esattamente cos’è che è cambiato
ma sta cambiando il tempo.
Una foglia che cade sbilenca
un brivido imprevisto del prato
gli luccelli che smettono l’andare.
Il vento non si è ancora alzato
eppure la schiena ha registrato
il terremoto minimo di un brivido.
Nell’aria ferma si annuncia la tempesta,
nella tempesta il sereno tende agguati.

You don’t exactly know what’s changed
but the weather did change.
A leaf falling askew
a sudden shiver in the lawn
birds that stop passing.
The wind hasn’t risen yet
and still the back has felt
the slight earthquake of a shiver.
In the still air the storm heralds its coming,
in the midst of a storm the clear sky lays in ambush.

© All rights reserved by Torkito Tarjoni

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *